I Draghi partorirono i topolini

I Draghi partorirono i topolini

“Il governo dei migliori”, si era detto. Pensando di tirare fuori un’espressione che bucasse schermi, social e quotidiani. Invece dal cilindro del prestigiatore era uscita solo una vecchia vecchissima espressione e nemmeno così fortunata. C’è la monarchia, il governo...

leggi tutto
Sedersi al tavolo

Sedersi al tavolo

Ma voi ve lo ricordate Nullo? Gian Carlo Pajetta? Ma vi ricordate cosa faceva in parlamento? Quelli dicevano una fascisteria qualunque o una qualsiasi corbelleria e lui, lasciati i banchi del Partito Comunista, partiva a menar botte contro le camicette nere, che le...

leggi tutto
Li abbiamo disarmati, finalmente

Li abbiamo disarmati, finalmente

Bisogna forse essere nati non più tardi degli anni settanta del secolo scorso perché un ordigno nucleare faccia paura a prescindere. Faccia cioè paura non solo essere possibile oggetto di un attacco atomico, come andò il 6 e 9 agosto 1945 a Hiroshima e Nagasaki,...

leggi tutto
Non c’è fatalità nella shoa

Non c’è fatalità nella shoa

Non c’è fatalità nella shoa. La strage di bambini, bambine, donne, uomini, anziane e anziani ebrei ha una causa, il nazifascismo, e dei responsabili, gli aguzzini dei campi di sterminio, i loro mandanti politici e militari, tutte le teste girate abbastanza per non...

leggi tutto
Questa cosa che si chiama democrazia

Questa cosa che si chiama democrazia

Si può fermarsi a guardare gli ori, i velluti, le uniformi e gli addetti al cerimoniale. Però così si perderebbe l’essenza di quel che sta accadendo a Roma in queste ore, quello che riassumiamo con parole come crisi di governo, consultazioni, nuovi incarichi. Riti e...

leggi tutto
La quarantena della scuola malata

La quarantena della scuola malata

La scuola resterà in quarantena, nel vero senso della parola: quaranta giorni. Tanti ne separano da adesso che il Governo si accinge a emanare i nuovi provvedimenti ristrettivi anti-contagio e il presunto ritorno sui banchi dopo la Befana. Il procrastinarsi del regime...

leggi tutto
L’ANONIMA STRAGE DEI 50 MILA

L’ANONIMA STRAGE DEI 50 MILA

Ci ho provato, ma non ci sono riuscito. Intendo a mettere insieme 50 mila persone. Dove mai ho visto così tante persone insieme e dove le ho potute raccogliere con uno sguardo soltanto? C’è solo un rito che mi è venuto in mente e sono gli stadi. Un concerto. Una...

leggi tutto

I DEVASTATI DEL COVID

L’uomo piangerebbe se ne fosse capace. Sta seduto davanti al video e mastica parole. Non le dice, le tritura tra i denti.Lui è certo di come siano andate le cose. Quello aveva la febbre e non lo ha detto e così lui è diventato positivo. Ma positivo alla sua età è una...

leggi tutto